Come fare FUNDRAISING per no profit e ONLUS

ConfiniOnline è un’organizzazione che, dal 2004, promuove attività di formazione e servizi di consulenza con l’obiettivo di diffondere all’interno del mondo non profit le conoscenze e le competenze manageriali e organizzative utili a sostenerne i processi di costituzione e di sviluppo.

RACCOGLIERE FONDI ATTRAVERSO LASCITI TESTAMENTARI

Attualmente per ogni organizzazione non profit, indipendentemente dalla reputazione e dalle dimensioni, è diventato imprescindibile poter contare su fondi che assicurino una stabilità di lungo periodo. I lasciti testamentari, a differenza di altre modalità di fundraising per associazioni, garantiscono fondi consistenti e pianificabili nell’arco di più anni. In Italia, negli ultimi anni, tale forma di fundraising per enti no profit si è diffusa con notevole successo tra gli enti non profit, anche perché il pubblico italiano ed i donatori mostrano sempre maggiore interesse per questa modalità di sostegno. Questo servizio di fundraising vuole fornire agli enti non profit gli elementi essenziali per impostare una campagna di raccolta fondi attraverso lasciti testamentari.

Richiedi altre informazioni


COMMUNITY FUNDRAISING

Il servizio di accompagnamento verso la pratica del fundraising di comunità è principalmente votato alla promozione di una strategia di coinvolgimento del capitale relazionale esistente all’interno del territorio e della comunità di appartenenza entro cui opera un ente non profit. L'efficacia di questa pratica di raccolta fondi poggia su una dinamica relazionale che implica non solo l’applicazione di tecniche e strumenti specifici di fundraising, ma anche e soprattutto la condivisione della propria mission organizzativa e di una buona causa. Oggi, sempre più frequantemente, non si dona perché si è ricchi, ma perché si condivide una missione, dei valori. Il donatore “di comunità” non è un soggetto passivo all’interno di un processo di erogazione di risorse ad una organizzazione; il donatore è colui che, condividendo in prima persona missione e buona causa, ne diventa ambasciatore e promotore attraverso la propria mappa relazionale. Affinché questo avvenga è però necessario che al centro della relazione tra donatore e organizzazione ci sia fiducia. E’ probabilmente per questa ragione che il fundraising più efficace è quello attivato all’interno di reti e di comunità (anche virtuali); ciò avviene perché, all’interno delle reti, la causa e gli obiettivi si trasmettono di relazione in relazione, di persona in persona, di clic in clic, attraverso legami di fiducia.

Richiedi altre informazioni


IL FUNDRAISING IN AMBITO CULTURALE

Questo servizio di fundraising è pensato per favorire un approccio professionale al fundraising delle organizzazioni Non Profit che operano nel settore delle arti e della cultura e che, a seguito della progressiva diminuzione delle tradizionali fonti di finanziamento pubblico, sentono l’esigenza di approfondire la conoscenza di tecniche e modalità di coinvolgimento di nuove categorie di possibili sostenitori. Accanto a una riflessione sull’andamento delle risorse economiche a disposizione del settore culturale, il servizio promuove un’analisi su quelle che sono le pre-condizioni per poter fare fundraising in questo settore, a partire dalla comunicazione con il pubblico, all’organizzazione delle risorse umane, all’adozione di strumenti di rendicontazione sull’utilizzo delle risorse, fin alla misurazione delle ricadute sociali ancorché culturali dei progetti che nascono nel settore delle arti.

Richiedi altre informazioni


START UP DI UN UFFICIO DI FUNDRAISING

Iniziare un’attività di fundraising per le ONLUS all’interno di un’organizzazione non profit non vuol solamente dire implementare una serie di azioni finalizzate al raggiungimento di un traguardo economico. Operare il fundraising per associazioni, in primo luogo, significa curare le relazioni con i propri donatori e con la propria comunità di riferimento, al fine di accrescere il proprio patrimonio relazionale e la propria reputazione. Per questi motivi, è necessario che l’organizzazione si strutturi per accogliere e legittimare al proprio interno questa nuova funzione, integrandola con il management dell’organizzazione.

Richiedi altre informazioni


QUANDO S’INCONTRA IL DONATORE: DAL COLLOQUIO AL FACE TO FACE

Tutti concordano sul fatto che il colloquio sia lo strumento più efficace per fare fundraising, quello che permette di conoscere di più, e meglio, il donatore comprendendone appieno il desiderio e i motivi che lo portano a sostenere una buona causa. Il colloquio è tuttavia solo una parte del processo che accompagna il professionista del fundraising nella ricerca fondi per la propria buona causa o progetto. Quanti tipi di colloquio ci sono? Quali sono le fasi che precedono il momento dell’incontro, come si svolge l’incontro e quali sono i momenti successivi e come vanno curati? Questo servizio di fundraising intende dare risposta e riscontro pratico a queste e ad altre domande attraverso lo studio delle diversità degli interlocutori possibili per un fundraising costruito sul dialogo; dall’incontro con l’imprenditore a quello con un grande donatore, dal dialogo con un donatore di tempo a quello con un potenziale donatore che passa per il “banchetto”. Individuare i potenziali donatori, prepararsi al colloquio, curare quei pochi momenti di relazione per farne una esperienza positiva per il donatore, fidelizzarlo, mantenendo sempre l’equilibrio tra tecnica degli strumenti e scopo e senso dell’attività di fundraising per enti no profit, questo è quanto si propone questo servizio di fundraising, attraverso l’illustrazione di pratiche, ma soprattutto attraverso l’analisi e la promozione di esperienze “sul campo”.

Richiedi altre informazioni


IL FUNDRAISING NEL TERRITORIO PER LE PICCOLE E MEDIE ORGANIZZAZIONI

Questo servizio di fundraising prepara figure professionali capaci di pianificare ed organizzare attività di fundraising per le ONLUS. Il servizio è strutturato attraverso un percorso finalizzato a trasmettere le conoscenze di base ed avanzate per individuare e realizzare le principali attività di fundraising rivolte al settore privato (donazioni e altri contributi individuali; corporate fundraising, contributi di fondazioni bancarie, di comunità, di impresa, ecc.). Il personale incaricato dall'ente destinatario del servizio è coinvolto in attività pratiche tese ad elaborare e pianificare una o più attività di fundraising in favore del proprio ente di appartenenza. L’obiettivo del servizio di fundraising è di fornire al personale incaricato gli strumenti necessari per attivare, autonomamente, le prime attività concrete di fundraising e di mettersi alla prova mediante forme di collaborazione professionale o volontaria con altre organizzazioni non profit.

Richiedi altre informazioni


TECNICHE DI PEOPLE RAISING

Sono molte le funzioni che i volontari possono svolgere per il fundraising per enti no profit e per lo sviluppo della mission dell’organizzazione: dalla gestione di operazioni tecniche, alla sensibilizzazione della comunità locale, all’incremento del capitale relazionale della organizzazione, fino alla costituzione di gruppi di appoggio che facciano del fundraising per le ONLUS il loro principale obiettivo di azione. Per fare ciò in modo efficace occorre adottare un approccio strategico per l’accoglienza dei volontari, avendo chiare quali funzioni essi possano svolgere e secondo quali modalità organizzative. E’ molto importante, inoltre, riuscire a gestire il rapporto con i volontari in modo tale che essi restino nella organizzazione trovandovi soddisfazione per le personali aspettative sociali e professionali. I metodi e gli strumenti per fare ciò sono al centro del servizio di people raising, che viene svolto con lo scopo specifico di favorire l'ente destinatario nell’individuazione di un programma strategico di people raising.

Richiedi altre informazioni


CORPORATE FUNDRAISING

Sono sempre più diffuse le occasioni di partnership aziendali per le organizzazioni non profit e, conseguentemente, sempre più professionalizzati i ruoli del corporate fundraiser. Gli aspetti tributari di simili operazioni giocano un ruolo fondamentale alla luce della estrema attenzione posta sul tema dall’amministrazione finanziaria degli enti interessati. Il servizio si propone quindi di esaminare le più diffuse tecniche adottate nelle partnership aziendali per indagare intorno alla fattibilità di quest'ultime da un punto di vista tributario e secondo le finalità organizzative dell'ente interessato.

Richiedi altre informazioni


MARKETING PER IL FUNDRAISING

L’obiettivo è fornire all'ente destinatario uno strumento strategico e al tempo stesso concreto ed operativo per implementare all’interno della rispettiva organizzazione attività di marketing e di sviluppo dell’operatività, offrendo spunti per migliorare la comunicazione interna ed esterna in modo da rafforzarne e consolidarne la reputazione nel territorio in cui opera. Il servizio è strutturato per fornire una visione globale circa le attività necessarie al fine di realizzare una coerente strategia di marketing per enti no profit, attraverso uno schema di lavoro utile a guidare quel complesso processo di analisi, progettazione, attuazione e valutazione organizzativa che è il presupposto del marketing di successo.

Richiedi altre informazioni


SPONSORIZZAZIONI E PARTNERSHIP

Si fa presto a dire corporate fundraising per enti no profit, ma come si costruisce e si sviluppa il rapporto con una impresa disponibile a sostenere ed a investire nella mission di una organizzazione non profit? L’obiettivo di questo servizio è questo: analizzare, sviluppare e comprendere come si possano costruire relazioni di partnership durature tra imprese non profit e aziende for profit. Sempre meno la sponsorizzazione sembra essere il terreno di incontro tra realtà che operano in settori diversi. Lo sviluppo della cultura e delle attività inerenti alla sfera della responsabilità sociale di impresa, la diffusione sempre più ampia di strumenti di rendicontazione e trasparenza quali il bilancio sociale, il bilancio di sostenibilità, il bilancio di missione e la sempre maggiore propensione delle aziende a costituire fondazioni di impresa, sono segnali dell’attenzione che il mondo profit sta riservando alle azioni sociali, culturali, umanitarie e di sostenibilità ambientale. Il servizio intende trasmettere all'ente interessato una serie di strumenti utili per intraprendere relazioni di collaborazione, progettazione e partnership con il mondo imprenditoriale, inoltre nel promuovere una nuova cultura e un nuovo approccio al mercato del corporate fundraising per enti no profit.

Richiedi altre informazioni


CINQUE PER MILLE

Il cinque per mille è uno strumento di fundraising per le associazioni da cui anche le piccole e medie organizzazioni, oppure quelle meno conosciute dal largo pubblico, possono trarre beneficio operando in modo strategico sui differenti fattori che possono determinarne un successo. Spesso il radicamento sul territorio e nella comunità, la gestione accorta delle relazioni pubbliche, l’uso adeguato di strumenti di comunicazione diretta e, soprattutto, un efficace management della lista degli interlocutori da sollecitare possono produrre risultati importanti. Il servizio, oltre allo scopo di illustrare come funziona il cinque per mille e come gli enti possono accedere a tale opportunità, vuole fornire alle organizzazioni interessate strumenti adatti a ricavare dal cinque per mille il massimo beneficio possibile, facendo leva sui propri punti di forza. Spesso, infatti, si punta solo su una strategia pubblicitaria e di comunicazione di massa, che richiede una forte comunicazione del marchio e una grande capacità di investimento da parte delle organizzazioni. È tuttavia possibile mettere a frutto altre capacità organizzative per ottenere risultati ottimali, quali il networking (attivazione e gestione di reti sociali), le partnership con altri soggetti, la sensibilizzazione della comunità locale.

Richiedi altre informazioni


CROWDFUNDING & PERSONAL FUNDRAISING

Lo scopo del servizio è conferire ai responsabili del fundraising per enti no profit gli strumenti per poter utilizzare al meglio questo nuovo strumento al servizio dell’online fundraising. Vengono presentati l’attuale scenario del crowdfunding, il crowdfunding donation based e le sue peculiarità; vengono definiti gli elementi portanti di una campagna di crowdfunding, tra cui progetto, storytelling, network, social media, connubio offline e online e il moltiplicatore personal fundraising per le ONLUS.

Richiedi altre informazioni

Contattaci

Tel. 0461.036690

redazione@confinionline.it

Seguici

ConfiniOnline è social!

  • Blog
  • facebook page
  • facebook page
  • facebook page

Bandi aperti

Newsletter

Sempre informati!

Ricerca nel sito

Parola o frase da ricercare:

WinCubo

Partner della Formazione

  • CAF ACLI
  • CAF ACLI
  • CAF ACLI
  • CAF ACLI
  • CAF ACLI
  • CAF ACLI
  • CAF ACLI
  • CAF ACLI
  • CAF ACLI
  • CAF ACLI
  • CAF ACLI